_
ulrich troyer / reviews / Songs for William 3
ulrich troyer

reviews



Songs for William 3
(Released 04/2017 on 4Bit Productions, Vienna)

„STUNNING. A beautiful concept, beautifully executed. A brilliant take on the musician's classic: 'The Break-Up Album.' You can read in to this album all of your emotional tribulation and relationship baggage; it is a deft, articulate body of work and one I am going to give 5/5“

- SIGIL OF BRASS, Music Blog, UK

„Dub unlike anyone else. Recommended by the editorial staff!“

- BEAT, Music Magazine, D

„Perfect for cruising or chilling.“

- Rbd, Bad Alchemy, D

„Unter dem Strich ist Songs for William 3 ein starker Abschluss einer ohnehin starken Trilogie, die komplett schlüssig und bündig ist. Wie 2011 und 2013 gilt, dass Troyer eine der innovativsten und frischesten Elektronikscheiben vorlegt und keinen Deut seiner Ideen verloren hat. 19/20!“

- Wolfgang Kabsch, Musik an Sich, D

“A wonderful dub evolution, alive with a fantastic array of analog tones and vivid aux send adventures. Favorite track: „At Muffs Place“ - rooted with a classic roots inspired guitar riff and a shimmering spring reverb soaked snare drum riddim! Worthy of many a late night REWINDS!” 

- Jesse @ BOOMARM NATION, Portland, USA

„La facilità con cui si trovano molti generi nei singoli pezzi è davvero disarmante. Può essere il caso di „Cruising Down The Belt“, un misto di soul/funk, downtempo, r’n’b e dub, come anche il caso del coacervo altamente armonico di „I Miss Your Noise“, che già dal titolo fa capire l’orientamento del pezzo. Con pochi strumenti e con fraseggi basici, Troyer intreccia analogico e digitale come se fossero un tutt’uno. La naturalezza del suo sound e la cura dei suoni conquistano al primo impatto, al secondo seducono. Troyer mescola intelligentemente le carte in tavola e il suo buon gusto fa vedere cosa sia possibile fare con pochi elementi in una coralità mai scontata, capace di diventare virale, orecchiabile, calda, trascinante e fuori dagli schemi. La seduzione è talvolta risultato di una buona coerenza.“

- Gorot, Carnage News, I

„Si tratta del capitolo conclusivo di una trilogia e, anche in questo caso, il genere di riferimento resta il dub. Si tratta, però, di un disco carico di contaminazioni kraut e psichedeliche, ottenute grazie a un sapiente uso della strumentazione elettronica che produce anche suggestioni psych e sorprendenti echi kraut. “Songs For William 3” si apre fra i suoni claustrofobici e ipnotici di “At Muff’s Place” per poi proporre una sorta di future dub con “Back On The Market”. La successiva “Dark Roots” si schiude invece dopo un’intro quasi chiptune, mentre l’attitudine più sperimentale ritorna prepotentemente in “Megalomaniac Microsynth”. La suadente “Cruising Down The Belt”, invece, si spinge anche oltre, rallentando nettamente i ritmi e avvicinandosi al soul e al rhtyhm and blues. La forza del disco risiede nella capacità di Ulrich Troyer di intrecciare analogico e digitale e di utilizzare soluzioni non troppo complesse ma capaci di sovrapporsi e di generare un flusso sonoro inarrestabile che seduce e ipnotizza. Il nuovo album di Ulrich Troyer, grazie anche a un’ottima produzione e alla grande varietà dei pezzi, si attesta su buoni livelli dall’inizio alla fine, senza passaggi a vuoto.“

- Piergiuseppe Lippolis, Music Map, I

„Music for a hot summer's evening.“

- FdW, Vital Weekly, NL

„Great album! Dark Roots and Megalomaniac Microsynth are our favorites!“

- Ezra & Tracy @ ZAMZAMSOUNDS, Portland, USA

"This is an excellent and cosmopolitan ride through the streets of Dub!“

- Jamal Hachem / Affine Records, A

"Troyer has recorded an album that lets you disconnect from reality and enjoy the evening. "Songs For William 3" is ideal for night bus rides. For Fans of Adrian Sherwood, F.S. Blumm, F.S. Blummbastic, Andi Otto & Schlammpeitziger."

- Łukasz Komła, Nowamuzyka, PL

„Troyers Dub-Verständnis ist dabei durchaus elektronisch, aber immer von analoger Wärme.“

- TRUST 02/17, Music Fanzine, D















line
back to top | updated: 05/06/2017